Salta al contenuto

Liguria ciclabile

Il sogno di unire la Liguria attraverso una rete ciclabile prende sempre più corpo. La pista ciclabile del ponente avrà il suo tratto a Imperia, a picco sul mare, in uno scenario da stropicciarsi gli occhi.

Il tratto sarà realizzato in 9 mesi, invece che nei 15 preventivati, grazie a turni giorno e notte sul cantiere. Cantiere che tra l’altro è sostenibile, ovvero l’ 80% del fabbisogno è dato da pannelli solari che si possono spostare da un punto all’altro. Tutto bello, tutto eccezionale. Non lo dico per scherzo, lo penso seriamente. Penso seriamente che se i 24 km di pista ciclabile tracciati tra Ospedaletti e San Lorenzo non fossero stati “redditizi”, in questi anni il Comune di Imperia non avrebbe certo pensato di sbrigarsi a fare la continuazione della pista ciclabile. Avrebbe preferito, come in mille altri casi, lasciare tutto abbandonato. Lo spostamento della linea ferroviaria a monte ha rilasciato questo spazio che può accogliere solo quello, una ciclabile. Con le sue strutture, i suoi punti ristoro, i suoi panorami, bellissimi anche d’inverno. Stupisce ancora la posizione di certe amministrazioni, comprese quella genovese, che non capiscono quanto la bicicletta e il suo indotto siano la strada da percorrere per il futuro. Invece di incentivare, reprimono. L’ultima trovata è quella di abbattere il Velodromo G.Carlini per farci un bel Grande Magazzino di Leroy Merlin. E pensare che la città sarà capoluogo europeo dello sport nel 2024. Un bel biglietto da visita.

Published inAttualità

Sii il primo a commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *