Salta al contenuto

Vélodrome mon amour

Ieri, complice la bella giornata, ho scelto di andare ad allenarmi in uno dei velodromi più belli, dove girare ti dà un senso di emozione incredibile, un tempio del ciclismo e una cattedrale di storia, il Vigorelli. Allenarsi in pista con le bici a scatto fisso è duro, ma è anche un lavoro che serve molto al ciclista. Forza, cadenza di pedalata, controllo della bici ed equilibrio. Sviluppare queste attitudini fisiche e mentali aiuta a andare forte e ad avere fiducia nel mezzo. Il velodromo è importante nella formazione dei giovani ciclisti. I nostri atleti nelle competizioni internazionali sono fortissimi. Elia Viviani fa strage di medaglie e anche nel campo femminile siamo i migliori. Tuttavia per noi significa spostarsi, Milano piuttosto che Montichiari, vicino Brescia.  I velodromi in Italia sono pochi, ma in Liguria ce ne sarebbero addirittura due. Uno ad Andora, che versa in condizioni indecenti, l’altro è il Carlini a Genova, che si sta avviando alle condizioni di quello di Andora. E’ lo specchio di come vengono concepite l’idea di sport e bicicletta nella nostra città e regione. Non ci sono i fondi, la risposta immagino già quale sia. Peccato, perché il progetto di un velodromo a Prà, dove ci sono già tante strutture sportive, avrebbe significato talmente tanto indotto che non solo si sarebbero recuperati i soldi investiti, ma si sarebbero moltiplicati. Visto il clima mite, le squadre e le nazionali si sarebbero precipitate in Liguria per fare allenamenti in riva al mare e magari lungo l’Aurelia e questo significa che alberghi, ristoranti, negozi ne avrebbero giovato. Ormai il ciclismo è uno sport talmente mediatico che è francamente stupido non investirci sopra, pensando che dal punto di vista sportivo la città sia solo Genoa e Sampdoria. Genova è l’unica città che non ha una Granfondo amatoriale che parte e arriva in città. Cosa che invece hanno Milano e Torino, dove quest’ultima arriva nello splendido scenario di Superga. Insomma, ci sono delle risorse e l’amministrazione si gira dall’altra parte. Eppure pensano solo a cosa possa fare business. Dai che vi do dei suggerimenti.

Published inAttualitàUncategorized

Sii il primo a commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *